Persi

De Vichipedie, la enciclopedie libare dute in marilenghe.
Jump to navigation Jump to search
Persi

Aul Persi Flac (par latin Aulus Persius Flaccus; Voltere, 34 - Rome, 62) fo un poete roman antîc.

Biografie[cambie | modifiche il codiç]

Nassût tal 34 a Voltere intune famee siorone, a sîs agns i murì il pari e a dodis al lè a stâ a Rome, là che al cjapà a studiâ cun cualchidun dai mestris plui innomenâts dal timp; al fo rilêf di Aneu Cornût, un stoic di chei rigorôs che al jere libert de famee di Seneche e ancje precetôr di Lucan, e al jere leât sedi a chest che a Cornût, che i inietà ben la filosofie stoiche. Al vivè unevore integri ancje lui fin al 62, cuant che al murì par vie di un mâl ae panze.

La poesie[cambie | modifiche il codiç]

Cuant che al murì, al lassà chel che al veve scrit e Aneu Cornût cjapà l'assun di metilu in ordin; i viers che al veve componût di zovin ju butà vie e al dè il restant a Cesi Bas, che al jere ancje lui amì di Persi, parcè che lu publicàs. A jerin sîs sataris compagnadis di cutuardis viers, che al podaressin jessi un proemi. Lis sataris son dutis inspiradis al rigorosissin stoicisim che i veve insegnât Aneu Cornût, ma si capis ben che Persi, che al jere plui che passût e de vite e dai siei dolôrs al sognosseve propite pôc, jere sì convint dai siei principis, ma al jere un convinciment dut scuelastic, che nol vignive de esperience de vite. Cussì al voleve fâ il mestri di vite, ancje invelegnantsi cun invetivis intransigentis, predicjant principis che crodeve in lôr plui par teorie e rigôr che no par esperience. Si inspirave a Lucili e Orazi, che i davin il model di un gjenar propit just pai siei fins moraliscj; di Orazi nol veve ni la pasade moderazion atiche ni la elegance: il lengaç di Persi jere un messedon di registris diviers, butant il voli a chel plui bas; e ven fûr une lenghe imberdeade e dificil di capî e no si sa se al è fat a pueste.

Bibliografie[cambie | modifiche il codiç]

  • Paolo Fedeli, Storia letteraria di Roma, Napoli, Ferraro, 2004
  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Bologne, Sansoni, 1957

Leams esternis[cambie | modifiche il codiç]