Lucili

De Vichipedie, la enciclopedie libare dute in marilenghe.
Jump to navigation Jump to search

Gai Lucili (par latin Gaius Lucilius; Sesse Aurunche, 180 p.d.C. - Napoli, 102 p.d.C.?) fo un poete antîc roman.

Biografie[cambie | modifiche il codiç]

San Jeronimi scrîf che al nassè tal 148 p.d.C., ma probabilmentri si jere imbroiât, confondint i consui di chel an cun chei dal 180, che a vevin l'istes non: al sar nassût tal 180 a Sesse Aurunche, tra il Lazi e la Campanie. Al vignive di une famee di siorons e al cognosseve Sipion emilian, che combatè par lui tal assedi di Numanzie, in Spagne, tra il 134 e il 133; o savìn che nol scomençà a scrivi, o forsit dome a publicâ, satsris prin di cheste bataie, po 'nd' componè un stermini, simpri cuintri dai riversaris dal circul dai Sipions, che ur jere un grum tacât, vint dut il timp dal mont, stant che nol si avodà mai ae politiche (e jere la prime ete a Rome di aristocratics che no a stavin daûr des robis dal stât). No si sa ben cuant che al murì: forsit tal 102, come che al declare simpri San Jeronimi, ma dôs robis a somein segûrs: che al rivà ai sessante agns, parcè che Orazi lu descrîf vecjo (e pai Romans jessi vieli voleve dî vê almancun sessante agns), e che al jere ancjemò vîf tal 114, parcè che tocs de sôs sataris che no a son stâts pierdûts si riferissin a fats di chel an.

Lis sataris[cambie | modifiche il codiç]

Di ducj i trente libris di sataris che al scrivè, a restin vuê milcuatricent fruçons. Bisugne dî che Lucili fo chel che al definì ben il genar, tacant un ciert moment a scrivi dome esametris, là che prin Eni e Pacuvi vevin doprât un grum di metris diviers, e dedicant poesiis esclusivementri ai atacs personâi, lant cuintri ducj i riviersaris dal circul dai Sipions e cuintri chei che a componevin viers patetics cun peraulis altitonantis, tal stîl che al jere lât in vieri, come Eni, che al jere za muart, e . Al doprave un lessic cuotidian e nol rifinive benon, vint miôr scrivi di corse; al jere brâf a depenzi cuadruts. Cu la sô poesie che e fevelave di robis personâls e cul sô disinteres pe politiche, al jere un prodot des gnovis ideis dai inteletuâi: si scomençave a preseâ la introspezion plui che no la vite ative; però i restave alc de vecje concezion de poesie, vadì che nol viodeve ben di meti su i siei viers cun sutilece (no a jerin par nuie elegants, come che al notà Orazi) e che al veve miôr tacâ i altris che no praticâ il ricueiment.

Bibliografie[cambie | modifiche il codiç]

  • Paolo Fedeli, Storia letteraria di Roma, Napoli, Ferraro, 2004
  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Bologne, Sansoni, 1957

Leams esternis[cambie | modifiche il codiç]