Furi Bibacul

De Vichipedie, la enciclopedie libare dute in marilenghe.
Jump to navigation Jump to search

Marc Furi Bibacul (par latin Marcus Furius Bubaculus; Cremone, 103 p.d.C. - I secul p.d.C.) fo un poete roman antîc.

La poesie[cambie | modifiche il codiç]

L'antîc studiôs Diomêt nus sigure che al scrivè sataris, ma al dis il stes di Catul, che no lu fasè dal ciert: al varà volût ripuartâsi ai siei epigrams pôc delicâts, là che al le jù pesant cuintri di Juli Cesar, di August, che propite no i nasave, e dal amì Valeri Caton, che al menave atôr parcè che nol veve un bec di carantan; si viôt bel il caratar privât de poesie dai cussì nomenâts poetis gnûfs, che lui al jere un di lôr. Ancje se al jere tal circul, forsit nol rinunzià a poetâ cuntun gust difarent di chel propite tipic di lôr: se al è ver che lui e un ciert Furi Alpin jerin l'istes cristian, che no o sin sigûrs, al fo autôr di doi poems, la Aethiopis, di mitologjie, e lis Pragmatia belli Gallici, su la vuere cuintri i Gals.

Bibliografie[cambie | modifiche il codiç]

  • Paolo Fedeli, Storia letteraria di Roma, Napoli, Ferraro, 2004
  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Bologne, Sansoni, 1957

Leams esternis[cambie | modifiche il codiç]