Valeri Caton

De Vichipedie, la enciclopedie libare dute in marilenghe.
Jump to navigation Jump to search

Publi Valeri Caton (par latin Publius Valerius Cato; I secul p.d.C.) fo un poete antîc roman.

Biografie[cambie | modifiche il codiç]

Al nassè atôr dal 90 p.d.C. te Galie cisalpine; tra i antîcs 'nd' jere cualchidun che al mormorave che al fos un sclâf sfrancjât, ma lui al sapontave di jessi nât libar e che, muart il pari, i vevin gjavât dut il patrimoni al imberdeât timp di Sile. Dut câs, stant che al jere restât a sec, al ve di tacà a lavorâ come mestri, fasint cariere e inricjintsi tant di rivâ a cjatâ une biele vile a Tuscul, ma po si indebità tant che al ve di dâle vie ai creditôrs e di lâ a vivi, come che al conte Suetoni, intune barache tun suburbi di Rome, là che al restà fin ae muart in miserie cjanine. Stant che di vecjo al jere amì di Furi Bibacul, che nol podeve viodi August, che a chel timp al jere paron dal imperi, podarès jessi che a ridussilu a stic a sedin stâts fastidis cul mont politic.

La leterature[cambie | modifiche il codiç]

Valeri Caton fo un dai poetae novi e, anzit, chel che, di critic sutîl e brâf poete che al jere, al inviave chei altris a chel stîl de poesie, che si inspirave ai fins e licenziôs viers d'amôr dai autôrs alessandrins; al scrivè doi epilis, la Diana, o Dictynna, e la Lydia, e ancje poesiutis lizerutis, dutis d'amôr. I siei epilis si podarès descriviju come i prototips de poesie dal circul dai neoterics, vadì i poetae novi.

Bibliografie[cambie | modifiche il codiç]

  • Paolo Fedeli, Storia letteraria di Roma, Napoli, Ferraro, 2004
  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Bologne, Sansoni, 1957

Leams esternis[cambie | modifiche il codiç]