Sili Italic

De Vichipedie, la enciclopedie libare dute in marilenghe.
Jump to navigation Jump to search
Sili

Tît Cati Sili Italic (par latin Titus Catius Silius Italicus; 25/29 - 101) fo un poete roman antîc.

Biografie[cambie | modifiche il codiç]

Fasè cariere sot Neron, al somearès fasint il delatôr, rivant a vignî consul tal 68, l'an dai cuatri imperadôrs, vignint amì di Viteli e lavorant ancje par Vespasian, che lu spedì a guviernâ in Asie, là che al fasè un bon lavôr; aromai plen di bêçs (al colezionave vilis e lis jemplave di statuis e cuadris), si ritirà in Campanie.

I Punica[cambie | modifiche il codiç]

Sili lì de sapulture di Virgili, che al jere il so inspiradôr

Al scrivè un poem, i Punica, là che al cjantà lis vueris punichis parant dentri un grum di mitologjie, tirant fûr il vecjo stîl dai poems mitologjics di Virgili, che al jere il so idul (Ani Cornût i dedicà un coment di Virgili e Geli conte che al comprà l'innomenât mâs che Virgili al veve in Campanie), cirint di evitâ, ma cence rivâ dal dut, il stamp plui modern de poesie di Lucan. Sili cîr di imitâ i classics dal timp di August, refudant il stîl plui lambicât e ferbint de ete di Neron, seont il gust di chê volte, ma al rive a meti sù dome une opare di maniere un tic flape. No si sa nancje se al rivà a finîlu.

Bibliografie[cambie | modifiche il codiç]

  • Paolo Fedeli, Storia letteraria di Roma, Napoli, Ferraro, 2004
  • Ettore Paratore, Storia della letteratura latina, Bologne, Sansoni, 1957

Leams esternis[cambie | modifiche il codiç]