Edward Tylor

De Vichipedie, la enciclopedie libare dute in marilenghe.
Jump to navigation Jump to search
Edward Burnett Tylor

Edward Burnett Tylor (Londre, ai 2 di Otubar dal 1832 – Wellington, ai 2 di Zenâr dal 1917) al è stât un antropolic britanic. Al è vivût e al à finît lis sôs ricercjis dilunc de epoche di aur de Ingletiere vitoriane, epoche caraterizade di impuartant disvilup socioeconomic, militâr e coloniâl e di un clime di cressinte fiducie intal progrès.

Intal 1871 Edward Tylor al à publicât il saç Primitive Culture là che in viertidure al presentave la prime e plui impuartante definizion sistematiche dal concet di culture: « La culture, o civiltât, intindude intal so sens etnografic larc, al è chel insiemi complès che al cjape dentri la cognossince, lis crodincis, la art, la morâl, il dirit, il costum e cualsisedi altre capacitât e abitudin acuiside dal om tant che membri di une societât. »

Cemût che si note, Tylor al manten in cheste definizion ancje il tiermin civiltât, che dispès al è doprât tant che sinonim di culture e altris voltis invezit al è doprât intal so sens specific diviers di chel di culture. La culture e designe par Tylor doi fenomens distints: • Culture tant che sogjet storic de evoluzion umane; • Culture tant che particolâr patrimoni coletîf di un grup uman. Tylor al dopre intal test il tiermin civiltât par dî il procès di evoluzion culturâl de umanitât che e à la sô fondamente inte idee di Herbert Spencer di un disvilup unilineâr dal sempliç al complès. Cuant invezit si discut di senaris plui locâi e ristrets, tant che chei di une tribù o di un popul, Tylor al dopre il tiermin culture. A chest nivel il riferiment nol è Spencer ma Gustav Klemm che al è stât il prin a conferî al tiermin culture il significât di insiemi di costums e crodincis (che no si dismentei che Klemm al jere esponent dal romanticisim todesc e al cjalave cun suspiet ai ideâi iluministics intrinsics intal concet di civiltât e civilizazion). Inte definizion che Tylor al da di culture, chê e designe no un “dovê jessi” che si pues cognossi intal concet di civiltât ma un mût di jessi coletîf. L'opuest di culture, intindude intal sens tyloriano, al è il concet di nature. Cheste e je universâl parcè che e je la base de avualance di ducj i oms, compagns apont parcè che a condividin il stes patrimoni gjenetic e il stes destin biologjic. Se la nature e je universâl, la culture e je particolâr; e nol è un câs che Tylor al enfatizi il rûl dai costums e des abitudins inte sô definizion di culture, rispiet ae definizion iluministe di insiemi di cognossincis (artistichis, filosofichis, juridichis): la art, la morâl, a son universâls, dulà che i costums a son ce che di plui particolâr e locâl al esisti. Inte sô definizion, Tylor al met l'acent ancje sul tiermin “acuisît” che al rimande simpri al rapuart di esclusion mutuâl tra nature e culture: la culture no si passe par vie gjenetiche, no je ereditarie e duncje par nassite, ma e ven imparade, acuiside apont, dai individuis dilunc de lôr vite, soredut intes primis fasis. Cheste acuisizion e je inocente e si fonde su la interazion sociâl, su la imitazion e la inference: in antropologjie il tiermin che al definìs chest procès al è inculturazion. L'antropolic [[[Alfred Kroeber]] al espliche la diference tra nature e culture su la fonde dal concet di istint, dulà che l'istint al è alc di «incidût dentri» stant che al partìs dal propri partomoni gjenetic, biel che la culture e je alc che al ven dal di difûr. Inte sô definizion, infin, Tylor al introdûs une nozion tant impuartante, chê di insiemi complès. Ducj chei elements citâts di Tylor – costum, art, morâl, crodincis ecc. – no son disleâts un di chei altris ma a costituissin une totalitât organizade tâl che la culture e je un dut diviers de sume des parts che le componin. Cun cheste definizion Tylor al somee volê sostantivizâ la culture fasint di jê alc di dotât di une proprie realtât empiriche; no je une suposizion falade, viodude la vicinance di Tylor al positivisim, che lu puarte a conferî ae “culture” il status di fat sociâl che Emile Durkheim al teorizarà pôc plui tart.