Letare ai Ebreus

De Vichipedie, la enciclopedie libare dute in marilenghe.
Jump to navigation Jump to search

Letare ai Ebreus

Se pûr definît "apuestul des nazions", Pauli a si interessà une vore ai fiis di Israêl, il popul dai ebreus.

Cetancj a dubitin che la letare a sei stade scrite di Pauli, ma a 'ndi son diviers fatôrs che puartin a la conclusion che lu scritôr al è propri lui.

Un comentâri biblic al dîs che se la so letare e fos stade scrite ai "zentîi" (ven a stâi i no ebreus), nancje un al varès podût capî l'argoment, parcè che lôr non vevin betince cul sisteme judaic.

Che il libri al sei ispirât lu sfrancje il fat che lui al magnifiche continuementri il non dal Idiu, al esalte Jesus come re dal Ream dal Idiu che al è l'uniche sperance pal gjenar uman.

Si pense, di chel che lui al scrîf, che la letare e sei stade scrite a Rome ator dal 60 d.C.

Pauli al jere particolarmentri preparât par scrivi cheste letare, par vie che nissun miôr di lui al podeve capî la persecuzion a le cuâl i cristians ebreus a jerin sometûts, di fat o ricuardin che al jere stât un fariseo.

Contignût

Za dal inizi Pauli al riclame la atenzion su Crist, su la so eminent posizion e su la so superioritât rispiet ai agnui.

Al tire indenant scrivint come che al sei necessari puartâ la plui grande atenzion a la peraule dal Idiu.

Al spieghe po dopo come che si fâs a jentrâ e restâ inte polse dal Idiu, e ven a stâi midiant la fede e la ubidience.

Al cjacare ancje de superioritât dal sacerdozi di Jesus. Al mostre che Jesus al è il metipâs di un gnûf pat.

Al definìs in maniere inecuivocabil ce robe che je la fede: "La fede e je garanzie des robis speradis, la prove pes realtâts che no si viodin" Al seguite cuntune liste di splendits esemplis di fede.

Al conclût la letare cun considerazions e conseis su aspiets relatîfs a la adorazion come: amôr fraterni, bon acet, matrimoni onorevul, obedience.

Utilitât

Nus fâs comprindi come che svariâts aspiets de leç mosaiche a indicavin robis ben plui grandis che a àn il colm in Jesus e il so sacrifici.

Nus da la sperance che, pûr jessint nassûts intal pecjât come fiolance di Adam e vint bisugne di un grant predi, lu cjatin in Crist, l'unic che al po condusinus a la vite intal gnûf mont prometût dal Idiu.

I esemplis di fede dai oms de antighitât nus incoragjin inte sperance par il futûr e nus pochin a "cori cun indurance la corse che nus è stade metude denant".