Traduzion

De Vichipedie, la enciclopedie libare dute in marilenghe.
Rosetta Stone BW.jpeg

Traduzion al è il voltâ un test orâl o scrit di une lenghe a di une altre e il test che al risulte di chê ativitât. La traduzion e je une ativitât che e cjape dut il probleme dal interpretâ un test e il so significât (di partence o di rivade) e il produsi un gnûf test che al vedi il sens avuâl di chel origjinâl in une altre lenghe di destinazion. La peraule traduzion mostre, dut câs, no nome l'at dal voltâ ma ancje l'ogjet dal voltâ.

Teorie de traduzion[cambie | modifiche il codiç]

La teorie de traduzion e je part des dissiplinis che a vuelin studiâ ce che al sta ator de ativitât dal voltâ. La teorie de traduzion e cjape in prestit di altris cjamps di studi: la leterature, la storie, la filosofie, la linguistiche, la filologjie, la semeiotiche, la informatiche e vie indenant. Si à di notâ che si cjacare ancje di tradutologjie, ma plui di lôr a pensin che al sedi un fal parcè che e je une peraule che e va daûr simiotantle a chê francese. Il concet plui inzornât de teorie de traduzion al è chel di cjapâ la lenghe tant che une vision dal mont de int che la fevele. Cussì par capì un discors nol è l'ogjet specific ma ben la maniere cemût il pinsîr si pant in chê lenghe.

Il voltâ al vûl dî trasferî un test componût intune cierte lenghe (L1), intun gnûf test che al dopre une lenghe divierse (L2); tra i doi tescj al varà di jessi un rapuart di ecuivalence sostanziâl, duncje il test te L2 al varès di riprodusi no dome chês stessis informazions che a son tal test te L1 ma, soredut se al è un test leterari, ancje lis sôs carateristichis stilistichis.

In ogni câs si scuen doprâ il condizionâl “al varès”, par vie che al è clâr a ducj che nissune traduzion e podarà mai riprodusi in maniere integrâl un origjinâl.

Ogni lenghe, di fat, e je un sisteme “sierât”, inlidrisât a fuart te storie e te culture di un popul, e ogni popul al fâs l'inventari dal mont intune maniere divierse; […] Duncje ogni volte che o leì nun test in traduzion, o vin di jessi cussients che nol dîs “chê stesse robe” dal origjinâl, ma ben “scuasit chê stesse robe”. (N.FLOCCHINI-P.GUIDOTTIBACCI, Dalla sintassi al testo, Bompiani, 2005, p.240).

Problemis de traduzion[cambie | modifiche il codiç]

In teorie un tradutôr al à di sielzi chês strategjiis, intal voltâ inte lenghe di rivade, che un marilenghe al doprarès inte stesse situazion comunicative. Nol capite simpri di podê voltâ une peraule de lenghe di partence cuntune peraule in chê di rivade (par esempli pai colôrs o pai numars). Il consei al è chel di doprâ une unitât, ven a stâi une maniere di voltâ il sens di partence cuntun zîr di peraulis intal test di rivade. Dôs lenghis tantis voltis a son difarentis ancje a livel formâl e dut câs a son peraulis che a no si cjatin lant di une lenghe a di chê altre. Par rivâ a comprendi une particolâr espression bisugne cognossi il contest: la peraule e à di jessi cjapade inte frase, la frase intal cjapitul e chest intal volum e il volum inte interie opare dal autôr. Par podê fâ dut chest si scugne tacâ des piçulis parts par rivâ a viodi l'intîr.

Etiche de traduzion[cambie | modifiche il codiç]

Cui che al vûl voltâ ben al à dôi trois che al po cjapâ: lassâ cuiet il scritôr e fâ che al sedi il letôr a lâi incuintri, o impen lassâ cuiet cui che al lei par fâ che al sedi il scritôr a lâi dongje. Il tradutôr al à di domandâsi: -Aio di contâ ce che l'autôr al à scrit o ce che lui al intindeve dì? Intal prin câs la traduzion e je plui o mancul a la letare e cui che al lei al à di interpretâ il sens. Intal secont câs al è cui che al volte che al cîr di interpretâ, il letôr, achest pont al ven a vê un lavôr tant plui clâr ma mancul dongje dal origjinâl. Intal prin câs il pericul al è di pierdi il sens che l'autôr al voleve; intal secont a si po mostrâ plui la sensibilitât dal tradutôr che no chê dal autôr. Il tradutôr, dut câs, al scugne sielzi tra chestis dôs stradis. Al è ancje plui coret voltâ de lenghe origjinâl a di chê di rivade cence doprâ une lenghe pivot (tierce).

Il tradutôr[cambie | modifiche il codiç]

Obietîf dal tradutôr al è chel di cirì il plui pussibil di puartâ il test di voltâ de lenghe di partence tignint il plui fer che si rive significât e stîl in chê di destinazion. Se al covente, daûr des difarencis da lis lenghis, si po fâ un adatament mantignint il sens esat intal regjistri, intal stîl, intal sun, inte metriche. Il tradutôr si cjate a fâ da lis sieltis che a van dretis a la funzion dal test o a ce che e vûl otegni la traduzion. Se par esempli par un test juridic o tecnic bisugne jessi il plui pussibil dongje dal test origjinâl, cuntun test leterari (narative, poesie) si po in une cierte misure slontanâsi par cirì stîl e metriche. A son da lis voltis che si po judâsi cun perifrasi: cuant che a son zûcs di peraulis, o ben peraulis che a rimin intune lenghe di partence e no in chê di rivade, detulis che a àn sens nome di une bande ma pierdin il sens di chê altre.

Procediments di traduzion[cambie | modifiche il codiç]

Adatament[cambie | modifiche il codiç]

Un adatament, clamât ancje libare traduzion, e je une maniere di voltâ dulà che il tradutôr si met al puest de societât e de culture di partence cuntune realtât che i corispuint intal test di rivade. Cheste gnove realtât e sarà plui buine pal public dal test di rivade. Par esempli la espression furlane al criche il dì e po jessi voltade par talian cuntun adatament in albeggia. E ancjemò te traduzion inglese dal fumut belc Les Aventures de Tintin et Milou, il compagn cjan di Tintin, Milou al devente Snowy. Inte stesse maniere i detective Dupond e Dupont a deventin Thomson e Thompson par inglês, Jansen e Janssen in olandês, Schultze et Schulze in todesc e cussì vie. Cuant il dramaturc dal Quebec Michel Tremblay al à adatât la opere teatrâl di Gogol L'ispetôr gjenerâl cul non di Le gars de Québec, al à passade la azion de Russie a la so tiere. Si cjatin spes adataments inte traduzion di poesie, lavôrs teatrai e pubblicitât.

Compensazion[cambie | modifiche il codiç]

Un compensazion e je une maniere di voltâ dulà che il tradutôr al schive la dificoltât stilistiche dal test di partence metint dentri efiets di stîl in altris ponts dal test di rivade. Par esempli, tantis lenghis a àn dôs formis di pronons te seconde persone: une informâl e chê altre formâl (in francês, tu e vous; in spagnûl, tú e Usted; in todesc, du e Sie, nome par clamâ cualchi esempli). Par inglês, la distinzion tu e je si dopre plui di râr, si oblee cussì il tradutôr a doprâ une compensazion, sie cuntun non propri o un sorenon, sedi doprant formulis sintatichis sintudis informâi par inglês (I'm, you're, gonna, dontcha, ecc.).

Calc[cambie | modifiche il codiç]

Un calc e je une maniere di voltâ dulà che il tradutôr al dopre un grup di peraulis (o, a lis voltis, une peraule) de lenghe di origjine propite in maniere leterâl inte lenghe di rivade puartant peraule par peraule ducj i tocuts de espression.

Prestit[cambie | modifiche il codiç]

Un prestit al è une maniere di voltâ dulà che il tradutôr al dopre chê peraule o chel zîr di peraulis dal test di partence cussì come che e je. Un prestit al va scrit par regule in corsîf se nol è normâl e integrât te lenghe di rivade.

Perifrasi[cambie | modifiche il codiç]

Une perifrasi e je une maniere di voltâ dulà che il tradutôr al dopre al puest di une peraule dal test di partence un grup di peraulis, o un zîr di peraulis,te lenghe di rivade. Une note dal tradutôr, cualchi volte scurtade cun NDT o N.D.T., e je une note (di regule da pît de pagjine o a la fin dal test) che si zonte par spiegâ i ingredeis de traduzion, su la culture dal test di partence, o altris informazions che si vûl dâ. Chestis notis a son permetudis cualchi volte obleadis. Dut câs, il ricori a notis al è par regule tant che ameti une sconfite dal tradutôr, di no jessi stât bon di voltâ tant che si scugne da spiegazions.

Dulà che al è plui dificil voltâ[cambie | modifiche il codiç]

Dôi cjamps dulà che si va dongje al impussibil di voltâ a son la poesie e i zûcs di peraulis. La poesie, par vie de impuartance dal sun da lis peraulis e dal viers, pe rime e pal ritmi de lenghe di partence. I zûcs di peraulis parcè che a son propite di une lenghe e a saressin masse di spiegâ e si pierdarès gran part dal sens. Vegnin in jutori, dut câs, ducj i procediments di traduzion a pene spiegâts. Par esempli, un tradutôr al po meti dentri un gnûf zûc di peraulis intun altri puest di dulà che al larès par "compensâ" un zûc di peraulis che no si rive a voltâ.

Neologjisims furlans[cambie | modifiche il codiç]

Il probleme al è frontât in un articul specialistic di Sandri Carrozzo [1] Pe formazion di gnovis peraulis si puedin cjapâ dôs stradis: cjalcjâ une peraule za doprade dantgj un gnûf significât, o ben lâ daûr a di un modul linguistic forest. Dutis e dôs lis manieris a marchin la pussibilitât di esprimi gnûfs concets dant vitalitât a la lenghe. Cuant che a si introdusin gnovis peraulis bisugne jessi atents: se si voltàs cumò "mouse" in surie, si colarès intal ridicul ancje se l'imprest al è cussì clamât in castilian, in francês e ancje in catalan. Ma lôr lu àn voltât dal principi. La linie dai linguiscj furlans e je, par gnovis peraulis, chê di tornâ se si po al latin o di acetâ prestits di lenghis sûrs come il francês, il castilian o il catalan.

Esempli di traduzion poetiche[cambie | modifiche il codiç]

Cjant Cuint dal Infier di Dante cognossût come chel di Paolo e Francesca, esempli di difarentis soluzions [2]par une tercine dulà che al è impuartant ancje, oltri al test, la rime e il ritmi.

Amor ch’a nullo amato amar perdona, mi prese del costui piacer sì forte, che come vedi ancor non m’abbandona. (Dante)

Amôr che al clame amôr, par sô nature, mi cjapà di chest biel cun tant traspuart, che cun me simpri, tu lu viôts mi dure. (Pietro Bonini)

L’amôr che el contracambio nol perdone, di lui mi à fate inamorâ tant fuart che nancje ca, tu viodis, mi bandone. (V. G. Blanch)

Amôr che amâ a nissun amât perdone, mi à fat vê di custui plasê tant fuart Che tu viodis che inmò nol mi bandone. (Domenico Zanier)

L'amôr ch’al vûl l'amànt simpri riamât, a mi'à dât di chest un plasê si fuart che, come che tu viodis, no mi'à'nciemò lassât. (Ermes Culòs)

Amôr che a amât no amâ mai nol perdone, de sô bielece mi cjapà tant fuart che tu viodis che inmò no mi bandone. (Pierluigi Visintin)

notis[cambie | modifiche il codiç]

  1. L'articul di Sandri Carozzo in version pdf
  2. L'articul di Sandri Carozzo in version pdf